DOVESIAMO
I Cugi Houses
monolocali arredati a Bronte

Torna alle News

17/11/2016, 08:14

bacco, pistacchio, bronte



Bacco-compie-10-anni-e-omaggia-la-città-di-Bronte....
Bacco-compie-10-anni-e-omaggia-la-città-di-Bronte....


 Amanti del pistacchio ma sopratutto amici di Claudio Luca e della splendida moglie Ilary, quelli che ieri sera abbiamo assistito alla celebrazione dei 10 anni di attività di Bacco,



Amanti del pistacchio ma sopratutto amici di Claudio Luca e della splendida moglie Ilary, ieri sera hanno assistito alla celebrazione dei 10 anni di attività di Bacco, azienda leader nel settore della trasformazione del pistacchio di Bronte. 

Un cortometraggio di 13 minuti in cui paesaggi incantevoli e storie vissute hanno intrattenuto una platea di spettatori con grande patos. Il piccolo capolavoro, diretto da Elio Ragusa sotto la regia e scrittura di Nanny Musiqo, ha posto i riflettori sopra la città, illuminando di romanticismo ogni scorcio di "sciara", di strada, di luogo vissuto, un vero tributo al paese di Bronte. 

L’impegno, la tenacia e la dedizione con cui Claudio e Ilary affrontano un percorso aziendale mai facile in una terra come la nostra, amplifica l’eco del loro successo veramente meritato. Persone di cui andar fieri....congratulazioni da parte di tutto lo staff del b&b I Cugi.
16/11/2016, 12:07

carretto, siciliano, bronte



Il-carretto-siciliano-bene-Unesco,-l’idea-che-parte-da-Bronte


 Il carretto siciliano bene Unesco. Il 4 settembre 2016 a Bronte, dalle 10 alle 19, avrà luogo il "Carretto Sicily Fest", il primo evento dedicato alla candidatura del Carretto Siciliano come patrimonio UNESCO.



Il carretto siciliano bene Unesco. Il 4 settembre 2016 a Bronte, dalle 10 alle 19, avrà luogo il "Carretto Sicily Fest", il primo evento dedicato alla candidatura del Carretto Siciliano come patrimonio UNESCO.
Ideata e promossa dalla Pro Loco Bronte e dal Museo del Carretto Siciliano Gullotti, l’inedita manifestazione prevede l’esposizione di carretti provenienti da tutta la Sicilia, esibizioni di gruppi folk e cantastorie, artisti in opera e mostre fotografiche a tema lungo le vie del centro storico di Bronte.
Tra i protagonisti del ricco cartellone, Giovanni Virgadavola, il gruppo Folk Amastra, il cantautore brontese Eddy Bella, oltre che al pittore Antonio Zappalà e lo scultore Rosario D’Agata, già iscritti nel Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia.
L’evento, patrocinato dal Comune di Bronte, dall’UNPLI Sicilia, dall’ Assessorato regionale ai Beni Culturali e Identità Siciliana e dall’Assessorato regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, verrà presentato alla stampa e agli operatori dell’informazione il 29 agosto presso il Palazzo Fiorini, prestigiosa sede della Pro Loco di Bronte.
Apriranno la lunga giornata dedicata al Carretto Siciliano l’Assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo, la Soprintendente ai Beni Culturali dott.ssa Mirella Patanè, il Direttore dell’UNESCO Sicilia dott. Aurelio Angelini, il Sindaco del Comune di Bronte Avv. Graziano Calanna, il Presidente della Pro Loco di Bronte Dario Longhitano, il direttore del Museo Carretto Siciliano Alfredo Gullotti, Ignazio Buttitta, docente di Storia e Tradizioni popolari all’Università di Palermo e il Prof. Giuseppe Aiello, titolare della Cattedra di Lettere dell’Università di Palermo.
Contestualmente all’organizzazione del "Carretto Sicily Fest", la Pro Loco Bronte è promotrice della candidatura del Carretto Siciliano come Patrimonio UNESCO, oltre che dell’istituzione di un Registro Ufficiale dei Carretti Siciliani, in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni Culturali. Passo, quest’ultimo, necessario per una completa catalogazione dei Carretti Siciliani, veri e propri veicoli di trasmissione culturale in Sicilia.

Scitto da blogsicilia.it
16/11/2016, 09:55

pistacchio, bronte



Il-pistacchio-di-Bronte-protagonista-a-Sanlorenzo-Mercato


 Un’enorme cascata di "oro verde" arriva sabato 17 settembre a Sanlorenzo Mercato, sotto forma di pistacchi grezzi, granelle, pesti, creme, torroni, croccanti, liquori e perfino lasagne, tutto fatto con il pistacchio più amato al mondo, quello di Bron



Un’enorme cascata di "oro verde" arriva sabato 17 settembre a Sanlorenzo Mercato, sotto forma di pistacchi grezzi, granelle, pesti, creme, torroni, croccanti, liquori e perfino lasagne, tutto fatto con il pistacchio più amato al mondo, quello di Bronte. 
A celebrare una delle più grandi eccellenze siciliane nel mondo saranno proprio i produttori del paese catanese, che sabato alle 18 verranno apposta al Mercato per presentare la Sagra del Pistacchio di Bronte (in programma in paese il 24, 25 e 26 settembre e il weekend successivo, 30 settembre, 1 e 2 ottobre). Grazie all’anteprima del Mercato, per tutti i golosi di pistacchio ci sarà dunque modo di anticipare la festa tra i banchi di Sanlorenzo, assaggiando ogni tipo di leccornia al pistacchio direttamente dai suoi produttori.
Si parte alle 18 con un talk show con il sindaco di Bronte Graziano Calanna, il vice sindaco Vittorio Triscari e il presidente del Consorzio di Tutela del Pistacchio Verde di Bronte Biagio Schilirò che racconteranno l’eccellenza del pistacchio brontese a livello internazionale, già presidio tutelato da Slow Food e motore economico capace di muovere oltre 20 milioni di euro l’anno. Ne parleranno anche i produttori diretti Aroma Sicilia, Azienda Agricola Spitaleri, I veri sapori dell’Etna, Sicilfrutti e Bacco: saranno proprio loro a portare in degustazione gratuita alcuni esempi di prodotti, tra i più amati, interamente realizzati con pistacchio originale di Bronte in modo artigianale e con materie prime selezionate.
Nel frattempo lo chef Rosario Saitta preparerà dal vivo, in uno speciale showcooking, le sue lasagne al pistacchio DOP di Bronte che poi sarà possibile assaggiare alla fine della dimostrazione.
Il pistacchio è una pianta vecchia tanto quanto il mondo. Era noto e coltivato, infatti, già dagli antichi ebrei e già allora ritenuto un frutto prezioso. Nelle sciare del territorio di Bronte si realizzò uno straordinario connubio tra la pianta ed il terreno lavico che, concimato continuamente dalle ceneri vulcaniche, favorì la produzione di un frutto che dal punto di vista del gusto e dell’aroma, supera come qualità tutto il resto della produzione mondiale.
Proprio a Bronte, in un terreno sciaroso e impervio i contadini hanno bonificato e trasformato le colate laviche dell’Etna in un insolito Eden, realizzando il prodigio di una pianta nata dalla roccia per produrre piccoli, saporiti frutti della più pregiata qualità, di un bel colore verde smeraldo, ricercati ed usati in pasticceria e gastronomia per le loro elevate proprietà organolettiche.
Oggi sono circa 4000 gli ettari di terreno coltivato a pistacchieti in tutto il territorio brontese, e da quelli arriva quello che è ormai considerato uno dei capolavori dell’enogastronomia siciliana nel mondo.

Scritto da blogsicilia.it


122
© 2016 I Cugi Houses

facebook
tripadvisor
instagram

Via Messina 207, 95034 Bronte

tel. +39 3392088202